Trani, Salvatore Annacondia in un'intervista: «Volevo uccidere Totò Riina in quell'attentato»

Non se ne sentiva parlare da anni ormai, non si sapeva più dove fosse né "chi" fosse dopo la decisione di collaborare con la giustizia. Salvatore Annacondia aveva cambiato totalmente vita, nome e luoghi di residenza.


Poco meno di due settimane fa però ha rilasciato un'intervista alla rivista Sette, allegato settimanale del Corriere della Sera. Conosciuto nell'ambiente come "Stumpielle", Annacondia è stato un boss (tranese) di grande peso sull'asse del traffico della droga tra Bari e Milano.


Settanta omicidi di cui si è macchiato, intermediario tra la mafia del nord e quella della Sicilia più profonda. Dal momento in cui ha iniziato a parlare, ha fatto nomi e raccontato fatti che fino ad ora non sono stati presi in considerazione fino in fondo sui rapporti tra la politica e il malaffare, come ad esempio la "testimonianza indiretta" di una telefonata tra Licio Gelli e Giulio Andreotti su presunte pressioni per un processo a carico degli Amodeo.


Ora ritorna a parlare e lo fa pubblicamente su una rivista nazionale, spiattellando una notizia fino ad ora sconosciuta.


Annacondia ha parlato di un fallito attentato a Como ai danni di Totò Riina, u curtu. L'episodio ha scatenato subito reazioni nel mondo politico e della mafia. Un attentato, così come raccontato da "Stumpielle", organizzato unitamente da Sacra Corona Unita e 'ndrangheta ai danni dei vertici di Cosa Nostra. Una cosa impensabile come sottolinea Salvatore Lupo (storico e studioso della mafia siciliana), "ai piani alti queste cose non potevano accadere".


Poi perchè, proprio Annacondia (uno dei pochissimi pugliesi affiliati a Cosa Nostra) avrebbe dovuto essere coinvolto in questo attentato così importante nell'ambito mafioso?


Anche Maritati, attualmente senatore del Pd, è stato "citato" da Salvatore Annacondia. All'epoca infatti Maritati era vicepresidente della Commissione Giustizia, lui però conferma di non aver mai saputo o ascoltato nulla sulla vicenda durante gli interrogatori.


«Probabilmente Annacondia ricorda male, e se avesse reso informazioni attinenti alle stragi, furono certamente tramesse ai procuratori di Firenze, Palermo e Roma» dice Maritati.


In ogni caso, le registrazioni dovrebbero essere in possesso della DDA di Bari o nella banca dati della Procura Nazionale Antimafia. Dopo anni di silenzio (arrestato nel 1991) e gli ultimi due anni circa vissuti in carcere, Salvatore Annacondia ritorna a parlare raccontando un episodio che potrebbe cambiare ancora una volta le dinamiche di un processo storico e umano corrotto e pieno di nefandezze o essere accantonata come una delle tante versioni di uomini che spesso hanno cercato di confondere idee ed eventi.


Una notizia che pubblichiamo oggi, giorno in cui ricordiamo il sacrificio del magistrato Paolo Borsellino che esercitava la propria missione con profondo impegno e grande coraggio, dedicando ogni sua energia a respingere con rigorosa coerenza la proterva sfida lanciata dalle organizzazioni mafiose allo Stato democratico. Nonostante le continue e gravi minacce, proseguiva con zelo ed eroica determinazione il suo duro lavoro di investigatore, ma veniva barbaramente trucidato in un vile agguato, tesogli con efferata ferocia, sacrificando la propria esistenza, vissuta al servizio dei più alti ideali di giustizia e delle Istituzioni (medaglia d'oro al Valor civile).


 

CONDIVIDI
PUBBLICITA' RealSuole

Notizie del giorno

Ennesimo furto nelle scuole di Trani, stavolta è toccato alla Papa Giovanni XXIII Tante occasioni, un solo gol ed un rigore dubbio contro: Trani-Noicattaro 1-1 Olimpia, «dammi cinque» due volte: Santeramo-Trani 39-73, decima vittoria di fila e tutte a segno Esce Guerritore, entra Solfrizzi: cambio in corsa fra gli attori della Stagione teatrale di Trani La biblioteca di Trani aggiorna il patrimonio librario: manifestazioni d'interesse da parte di tre librerie Trani istituisce il «Giorno della legalità»: sarà il 1mo ottobre, data in cui fu fermato Annacondia Sicurezza, le telecamere della Polizia locale in uso anche a quella di Stato. E Bottaro conferma: «Ci sono 250mila euro per la video sorveglianza in tutta Trani nord» È in edicola il nuovo numero de "Il giornale di Trani": «4 marzo, la città c'è» Basket maschile, oggi in campo solo la Promozione. Fortitudo Trani, ecco il calendario della poule salvezza Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Al Polo museale di Trani quattro appuntamenti con le storie per i bambini. Si inizia domenica 12 marzo con “Felicottera”. E si inaugura il bookshop Stagione concertistica, questa sera il pianista Angelo Nasuto nella biblioteca di Trani Finanza agevolata per turismo e settore lapideo, domani convegno al Polo museale di Trani Biblioteca di Trani, domani festa di Carnevale per i piccoli "Chiedilo al notaio", prossimo incontro al Comune di Trani il 2 marzo. Prenotazioni fino al 27 febbraio AGGIORNATO. Criminalità, il 4 marzo la città risponde così: «Giù le mani da Trani!». Le associazioni in marcia diventano settanta "Trani negli anni dei d'Angiò": domenica 5 marzo itinerario guidato nel centro storico Trani, omicidio Mastrodonato: Brescia risponde alle domande in carcere e parla di legittima difesa. Ma resta in carcere Omicidio Mastrodonato, il Gip di Trani lascia Corda e Duda in carcere in stato di fermo Trani, l'omicidio in diretta grazie al Gps: ricostruzione più chiara grazie al rilevatore sulla Panda di Corda Omicidio Mastrodonato e agguato la bar di via Superga collegati? Il procuratore di Trani non risponde, «ma ci stiamo lavorando» Trani contro la criminalità, in campo pure la Chiesa. Don Mimmo: «Educare anche alla luce del Vangelo» Piromani a Trani, ancora a fuoco cassonetti. Sostituiti in mattinata Antenna di fronte al castello di Trani, l'assessore di Gregorio: «Determinante la sentenza del Tar, ma attendiamo la Soprintendenza e procediamo con la concertazione» Matrimoni civili, ci si potrà sposare anche in biblioteca e a palazzo Beltrani Caporalato moderno, Confagricoltura plaude all'operazione della Procura di Trani ma è perplessa sulle nuove norme
PUBBLICITA' Antiche Arcate