Trani, Salvatore Annacondia in un'intervista: «Volevo uccidere Totò Riina in quell'attentato»

Non se ne sentiva parlare da anni ormai, non si sapeva più dove fosse né "chi" fosse dopo la decisione di collaborare con la giustizia. Salvatore Annacondia aveva cambiato totalmente vita, nome e luoghi di residenza.


Poco meno di due settimane fa però ha rilasciato un'intervista alla rivista Sette, allegato settimanale del Corriere della Sera. Conosciuto nell'ambiente come "Stumpielle", Annacondia è stato un boss (tranese) di grande peso sull'asse del traffico della droga tra Bari e Milano.


Settanta omicidi di cui si è macchiato, intermediario tra la mafia del nord e quella della Sicilia più profonda. Dal momento in cui ha iniziato a parlare, ha fatto nomi e raccontato fatti che fino ad ora non sono stati presi in considerazione fino in fondo sui rapporti tra la politica e il malaffare, come ad esempio la "testimonianza indiretta" di una telefonata tra Licio Gelli e Giulio Andreotti su presunte pressioni per un processo a carico degli Amodeo.


Ora ritorna a parlare e lo fa pubblicamente su una rivista nazionale, spiattellando una notizia fino ad ora sconosciuta.


Annacondia ha parlato di un fallito attentato a Como ai danni di Totò Riina, u curtu. L'episodio ha scatenato subito reazioni nel mondo politico e della mafia. Un attentato, così come raccontato da "Stumpielle", organizzato unitamente da Sacra Corona Unita e 'ndrangheta ai danni dei vertici di Cosa Nostra. Una cosa impensabile come sottolinea Salvatore Lupo (storico e studioso della mafia siciliana), "ai piani alti queste cose non potevano accadere".


Poi perchè, proprio Annacondia (uno dei pochissimi pugliesi affiliati a Cosa Nostra) avrebbe dovuto essere coinvolto in questo attentato così importante nell'ambito mafioso?


Anche Maritati, attualmente senatore del Pd, è stato "citato" da Salvatore Annacondia. All'epoca infatti Maritati era vicepresidente della Commissione Giustizia, lui però conferma di non aver mai saputo o ascoltato nulla sulla vicenda durante gli interrogatori.


«Probabilmente Annacondia ricorda male, e se avesse reso informazioni attinenti alle stragi, furono certamente tramesse ai procuratori di Firenze, Palermo e Roma» dice Maritati.


In ogni caso, le registrazioni dovrebbero essere in possesso della DDA di Bari o nella banca dati della Procura Nazionale Antimafia. Dopo anni di silenzio (arrestato nel 1991) e gli ultimi due anni circa vissuti in carcere, Salvatore Annacondia ritorna a parlare raccontando un episodio che potrebbe cambiare ancora una volta le dinamiche di un processo storico e umano corrotto e pieno di nefandezze o essere accantonata come una delle tante versioni di uomini che spesso hanno cercato di confondere idee ed eventi.


Una notizia che pubblichiamo oggi, giorno in cui ricordiamo il sacrificio del magistrato Paolo Borsellino che esercitava la propria missione con profondo impegno e grande coraggio, dedicando ogni sua energia a respingere con rigorosa coerenza la proterva sfida lanciata dalle organizzazioni mafiose allo Stato democratico. Nonostante le continue e gravi minacce, proseguiva con zelo ed eroica determinazione il suo duro lavoro di investigatore, ma veniva barbaramente trucidato in un vile agguato, tesogli con efferata ferocia, sacrificando la propria esistenza, vissuta al servizio dei più alti ideali di giustizia e delle Istituzioni (medaglia d'oro al Valor civile).


 

CONDIVIDI

Notizie del giorno

Trani, gli puntano il coltello alla gola e lo rapinano. Agiscono in due, a volto scoperto Trani, sorpresa: resta in piedi la commissione elettorale. Confermata l'efficacia anche dei Cda delle partecipate Trani, commissario fino al 17 maggio. Iaculli: "Subito il bilancio e le gare per gli affidamenti" Grave incidente sulla Trani-Andria: muore 59enne. Due feriti VIDEO. Dimissioni del sindaco e discarica chiusa, i pentastellati di Trani si prendono i meriti (aggiornato) Soppressione del passaggio a livello di Trani, 70mila euro ai progettisti dello spostamento dei sottoservizi, ma nulla ancora si muove "Dialogando su...", Rocco Siffredi sbarca sull'Isola dei famosi. Marco e Chicco per il comitato "Vietato fare battute facili" Passaggio a livello di Trani, sei pedoni fuori legge in tre minuti: la causa dei problemi siamo sempre noi Trani, quando anche un chiusino si mette... di traverso. Lavori «dimenticati» in via Giustina Rocca Presunta invasione dei capannoni Ruggia con veicoli aziendali: la Procura di Trani archivia le posizioni di Roberto e Giovanni Gargiuolo Oggi le prime uscite pubbliche del neo commissario di Trani: dal Giorno della memoria all'incontro con la stampa Giorno della memoria, oggi si ricorda Vincenzo Pappalettera Trani, Palazzo Beltrani celebra oggi il Giorno della memoria Giorno della memoria, un libro nella biblioteca di Trani Asd Guglielmi Trani, storico piazzamento nel "Torneo internazionale Alpe Adria" Lino Patruno venerdì prossimo al Dino Risi: Trani s'inchina ad uno dei massimi maestri del jazz Trani, al Teatro Mimesis va in scena "La macìara. Si possono guarire le mani?". Prenotazione obbligatoria Castello Svevo di Trani, il primo febbraio appuntamento con "castelli animati" Trani, open day all'istituto Aldo Moro: tre appuntamenti domenicali nel mese di febbraio Biblioteca di Trani, iscrizioni on line alle prime classi delle scuole statali Sistema Trani, depositate le istanze di scarcerazione Circondario di Trani, nell'ultimo anno si è ucciso il doppio. Preoccupante aumento anche delle «morti bianche» Trani, celebrate questa mattina le esequie di Francesco Ferrante presso il Cimitero Trani 2015 nel sentimento dei cittadini/lettori: «Spazio all'imprenditore politico» Trani-Novoli 2-1. Manzari su rigore, poi esce. Sansonna salva, Cannone raddoppia e Rizzo accorcia. Stadio solidale con gli avversari Juve Trani inarrestabile anche senza forzare: venti punti di scarto al Napoli VIDEO. Aquila azzurra Trani vince e vola ancora. Chieppa: «Ora che siamo salvi, proviamo a centrare i playoff» Telmasud Trani non pervenuta: Manfredonia facile 3-0 Prima vittoria per l'Apulia Trani, sconfitto il Palmoli Il Giornale di Trani in edicola: «È tempo». Sindaco ed altri quattro agli arresti, dimissioni a catena: esperienza che si chiude male Rubano auto in via Pedaggio Santa Chiara: un responsabile arrestato dai carabinieri di Trani Trani 2015 ha il primo candidato sindaco. Procacci: «Inutile lamentarsi, il nostro gruppo proverà a cambiare le cose. Anche senza soldi»