VIDEO. Omicidio Di Leo a Barletta, arrestato Antonio Rizzi, ferito in una sparatoria avvenuta a Trani a dicembre scorso

Nella mattinata odierna personale della aliquota operativa della Compagnia dei carabinieri di Barletta ha arrestato, a Trani, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere, Antonio Rizzi, di origini barlettane ma da anni residente a Trani, elemento di spicco della criminalità locale.


L'uomo è ritenuto responsabile dell'omicidio premeditato, in concorso, di Francesco Di Leo, classe ’77, nativo di Canosa di Puglia ma residente a San Ferdinando di Puglia. Si tratta di un violento fatto di sangue avvenuto alle prime luci dell'alba del 3 luglio 2016 in Piazza Marina, a Barletta, all’interno della rivendita di prodotti ittici di Salvatore Lattanzio.


Al Rizzi sono contestate anche: detenzione e  porto illegale di un fucile e di una pistola calibro 7,65, con cui ha commesso il delitto; la ricettazione dell’autovettura utilizzata nella circostanza, risultata rubata.


La misura restrittiva in carcere, disposta dal gip del Tribunale di Bari Susca, su richiesta del sostituto procuratore della Procura presso la Direzione distrettuale antimafia di Bari Giuseppe Maralfa, rappresenta il compendio investigativo di una attività svolta a seguito dell’omicidio di Francesco Di Leo.


I carabinieri, su richiesta del 118, erano intervenuti la mattina del 3 luglio 2016 in Piazza Marina, a Barletta,  presso la rivendita di prodotti ittici cogestita dal pluripregiudicato barlettano Ruggiero Lattanzio, detto “Rino non lo so”, in quanto un uomo era stato ferito da numerosi colpi d’arma da fuoco, a seguito dei quali era deceduto dopo qualche ora in ospedale. La vittima, con piccoli precedenti penali, svolgeva l’attività di venditore di mitili. Immediatamente gli investigatori avevano intuito che il reale obiettivo dell’azione di fuoco fosse Ruggiero Lattanzio, benché quest’ultimo non si trovasse nella pescheria al momento del fatto.


La visione dei filmati della videosorveglianza consentì di vedere come il killer fosse sopraggiunto davanti alla rivendita di prodotti ittici a bordo di una Fiat Punto grigia, risultata poi essere rubata, con alla guida una persona rimasta non identificata. Dal lato passeggero era sceso un individuo alto e corpulento che, travisato e armato di fucile, si era diretto verso la rivendita di ghiaccio adiacente il locale del Lattanzio. Al che l’uomo, evidentemente richiamato dal conducente del mezzo, aveva cambiato repentinamente obiettivo dirigendosi verso la rivendita di prodotti ittici. Mentre percorreva la brevissima distanza tra i due locali, si era accorto che il fucile si era inceppato e, tornato verso l'automobile, aveva preso dal suo complice una pistola. Quindi, tenendo nella mano sinistra il fucile e nella destra la pistola, si era avvicinato alla porta d’ingresso della pescheria e, senza vedere chi fosse l'uomo contro il quale puntava l'arma, aveva esploso in sequenza cinque colpi di pistola ad altezza d’uomo, tre dei quali avevano raggiunto Francesco Di Leo. Quest’ultimo morì poche ore più tardi in ospedale, a seguito delle ferite riportare. Al termine dell’azione l’aggressore era risalito in auto, allontanandosi con il suo complice.


Le prime indagini condotte dall’aliquota operativa della compagnia Carabinieri di Barletta si erano concentrate immediatamente sul pregiudicato tranese. Si era anche appreso che il giorno prima tra Ruggiero Lattanzio e due soggetti di Trani facenti capo al pluripregiudicato Antonio Rizzi e soci di una pescheria a Trani, in via Superga, era avvenuta una violenta lite scaturita dal fatto che il Rizzi intendeva acquisire il controllo del mercato del pesce nella zona, monopolizzando l’acquisto dei frutti di mare a Barletta. Nella circostanza gli uomini del Rizzi erano stati malmenati dal Lattanzio. Proprio le percosse subite dai referenti del Rizzi avevano costituito il movente per l’azione vendicativa di quest’ultimo.


Lo sviluppo investigativo, curato dal Nor di Barletta mediante una serie di attività di intercettazione e pedinamento, ha consentito di delineare a carico del Rizzi un importante impianto probatorio, in seguito corroborato dalle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia. Questi ultimi hanno riferito di aver appreso le circostanze dell’omicidio dallo stesso indagato nonché da terze persone. Nel contesto investigativo è stato altresì sventato un tentativo di  inquinamento probatorio ad opera del Rizzi attraverso l'inserimento, negli atti processuali, di prova d’alibi rivelatisi falsa e artificiosamente costruita dallo stesso indagato.


A formalità di rito ultimate Antonio Rizzi è stato condotto nel carcere di Trani.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Fondazione Seca

Notizie del giorno

Il Comune di Trani vuole tenersi stretti 10mila euro: incarico a tre professionisti per la difesa in Commissione tributaria Trani-Molfetta senza tifosi ospiti, ma fa già storia: sarà il primo derby della Lanza dinasty Fortitudo attende Barletta e Juve all'esame Fasano. E a Trani, trent'anni dopo i fratelli Booy, torna a giocare un olandese: Van Den Wall Arnemann Volley femminile serie C, Adriatica Trani di scena domani a Bari Bagni utilizzati impropriamente dagli alunni: intervento questa mattina alla scuola Bovio di Trani Verso Matera 2019, stilato un accordo tra Trani e la città lucana Ospedale di Trani, venerdì prossimo incontro tra le sigle sindacali Ospedale di Trani, Emiliano detta l'agenda: «Risonanza quasi aggiudicata, arco sterile a fine novembre, nuova dialisi nel 2020 e lavori per 8 milioni e mezzo» Ospedale di Trani, Santorsola non si fida: «Percepisco difficoltà, il sindaco convochi la cabina di regia» Trasferimento della Farmacia territoriale di Trani, le lamentele di un cittadino: «Così ci complicheranno la vita» Trani Sant'Angelo, pubblicato il bando per l'assegnazione degli ultimi tre alloggi disponibili in via Grecia Trani e decoro, terminata la bonifica di via Duchessa d'Andria Autismo e Asperger, a Trani il libro di Teresa Antonacci fa schiudere orizzonti e accende nuove speranze Ambito di zona Trani – Bisceglie, definite le ore di assistenza specialistica per gli alunni diversamente abili Villa di Trani, nel parco giochi va in scena il flash mob della poesia. A corredo, palloncini colorati Cgil Barletta-Andria-Trani, Giuseppe Deleonardis confermato segretario generale Scontro treni, nel procedimento la Regione Puglia è parte offesa Santo Graal di Trani, questa sera i Paipers Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Il Polo museale di Trani torna al centro della musica: domani, esibizione degli artisti La Nena e Zhero Domani a Trani la presentazione del libro "Echi del mio tempo" A Trani, domani, torna la raccolta alimentare "Il cibo del sorriso" “Famiglie al museo”, a palazzo Beltrani altri due appuntamenti: il successivo, domenica prossima “Come salvare una vita” con il massaggio cardiaco: evento domenica prossima a Trani Trani, “Domeniche d’autunno a Boccadoro”: secondo appuntamento, domenica prossima "Giocosamente": ogni martedì, all'Anteas Trani, allenamento alla memoria Trani religiosa, da mercoledì a sabato prossimi la festa in onore di San Michele Arcangelo. Il programma Estorsioni a Trani, prime condanne: cinque anni a Regano, quattro e mezzo a Presta. Riconosciuta per entrambi l'aggravante mafiosa Trani, rifatta la segnaletica di piazza Albanese: da oggi, tolleranza zero per chi parcheggi sugli stop Furto o rottamazione, da Trani Santorsola presenta la proposta di legge per richiedere il rimborso del bollo auto Giornata europea contro la tratta, anche l’Oasi 2 di Trani nel progetto “La Puglia non tratta – insieme per le vittime” Contro la dispersione scolastica, parte da Trani il progetto di Legambiente Puglia “Scuola corsara” Nasce il Movimento del buongoverno. Parole d'ordine, «trasversalità e amore per Trani» AGGIORNATO. Ragazzo resta solo in casa e fa incendiare un divano: paura in uno stabile del centro storico di Trani Consiglio comunale, tutti approvati i debiti fuori bilancio per 288mila euro. Bagarre per quella riferita alla cava fumante di Trani
PUBBLICITA' Fondazione Seca