Villa Turrisana, sequestro e inchiesta furono legittimi: il Tribunale di Trani assolve tre imputati e chiede di procedere contro un progettista per falsa testimonianza

Assolti «perché il fatto non sussiste»: dunque, l'inchiesta su Villa Turrisana fu condotta correttamente e legittimo fu il sequestro del bene, eseguito il 13 ottobre 2011 dalla Polizia locale quale organo di polizia giudiziaria delegato dalla Procura della Repubblica di Trani.

Così si è espresso il presidente della Sezione penale del Tribunale di Trani, Giulia Pavese, nella sentenza che ha scagionato gli imputati Antonio Modugno (ex comandante della Polizia locale), Antonio Recchia (consulente tecnico di ufficio) e Giovanni Bruno (maresciallo della Polizia locale, oggi in quiescenza) dai reati di falso ideologico in concorso. A Modugno veniva contestato anche il tentato abuso di ufficio, insieme con il falso ideologico.

La vicenda è quella del sequestro penale di Villa Turrisana, antica residenza nella omonima contrada sita nella periferia sud di Trani, oggetto di lavori di restauro conservativo per trasformarla in attività ricettiva.

A seguito di sopralluoghi, dell'Ufficio tecnico comunale, prima, e del Comando della polizia municipale, poi, si riscontrarono invece difformità significative tra i lavori eseguiti, al primo piano ed al vano ascensore, e quanto previsto nel permesso di costruire.

Difformità consistenti nella demolizione di quasi tutto il livello intermedio tra primo piano e piano suppenne (tranne alcuni muri perimetrali), con costruzione di nuovi pilastri e travi in cemento armato, nonché la diversa realizzazione del vano ascensore, in cemento armato, rispetto al progetto autorizzato.

Pertanto, con ordinanza dirigenziale del 15 settembre 2011, il dirigente dell'Utc, Giuseppe Affatato, disponeva la sospensione dei lavori.

Poi sarebbe arrivato il sequestro, secondo quanto accertato proprio dalle indagini svolte dalla Polizia locale, quale organo di Polizia giudiziaria delegato dalla Procura della Repubblica di Trani, supportate dalla relazione del consulente tecnico d'ufficio, avrebbero determinato una ristrutturazione dell'immobile in difformità rispetto al permesso di costruire rilasciato dal Comune.

Tale circostanza è stata affermata in sede amministrativa prima dal Tar Puglia e poi dal Consiglio di Stato, includendo anche il rigetto di un'istanza di sanatoria presentata dalla società committente dei lavori.

Il processo penale sulla vicenda, parallelo ai procedimenti amministrativi, aveva invece visto assolti dall'accusa di abuso edilizio i quattro imputati: Erica Ann Raguseo, amministratrice della “Gavetone srl”, committente dei lavori e titolare del permesso di costruire; Leonardo Curci, amministratore della “Tecnogest snc, società esecutrice delle opere in conglomerato cementizio armato; Ugo Betti, progettista architettonico e direttore dei lavori sino al 18 giugno 2011, (data in cui rimise il mandato per assumere la delega di assessore comunale all’urbanistica, ndr); Angelo Antonio Iannelli, progettista architettonico e dei lavori dal 18 luglio 2011.

Gli stessi, a maggio 2015, avevano chiesto ed ottenuto il rinvio a giudizio di Modugno, Recchia e Bruno, ipotizzando a loro carico l'abuso di ufficio in concorso e, per Modugno, l'abuso d'ufficio ed il falso ideologico.

Secondo il pubblico ministero, Silvia Curione, i tre avevano accertato la realizzazione di opere strutturali, non conformi al progetto depositato al Genio civile di Bari, nonostante all'epoca del presunto accertamento non fosse stato ancora acquisito il progetto rispetto al quale l'opera si assumeva come difforme.

Peraltro, con particolare riferimento a Modugno, si ipotizzava una situazione di evidente e consapevole incompatibilità rispetto alla posizione dell'ingegner Betti, il quale, da assessore, si era opposto in giunta all'atto di indirizzo per la stabilizzazione dello stesso Modugno, dirigente facente funzioni della Polizia locale, e del collega dell'Ufficio tecnico, Giuseppe Affatato.

Modugno, dunque, avrebbe condotto l'inchiesta su Villa Turrisana per una sorta di rivalsa nei confronti di chi gli aveva impedito di diventare dirigente a tempo pieno ed indeterminato del Comune di Trani, «colorando - si legge testualmente nel suo rinvio a giudizio - in termini di rilevanza penale l'intervento posto in essere da Betti».

Al termine dell'ultima udienza del processo, tenutasi l'altro giorno, cui erano presenti tutte le parti civili, il presidente della Sezione penale del Tribunale ha invece desunto che le posizioni di Modugno, Recchia e Bruno non fossero penalmente rilevanti, assolvendoli perché il fatto non sussiste.

Inoltre, e soprattutto, ha ordinato la trasmissione degli atti al pubblico ministero, ravvisando indizi del reato di falsa testimonianza a carico proprio di Betti.

Entro novanta giorni avverrà il deposito della motivazione della sentenza. Modugno era difeso dall'avvocato Claudio Papagno, Recchia dall'avvocato Giacomo Ragno, Bruno dall'avvocato Luigi Puca.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Avicola Colangelo

Notizie del giorno

Acque reflue del depuratore di Trani, formalizzata l'aggiudicazione. Santorsola e Di Gregorio: «Importante lavoro tra Regione e Comune» Il «Festival del tango» di Trani presentato nell’Ambasciata argentina di Roma Sport, la Fortitudo Trani si toglie qualche sassolino dalla scarpa: «Ecco le migliore apportate al PalaAssi» Debiti delle società sportive di Trani, Fortitudo: «Il Comune non fa utilizzare loro gli impianti dal 1mo giugno. Noi, in regola» Progetto internazionale «Cross festival»: c’è anche l'artista di Trani Davide Valrosso con «A peaceful, peaceful place» «Forme fashion green»: sabato prossimo a Trani l’appuntamento tra moda e ambiente «Scuole sicure»: dalla Prefettura, a Trani, 33.000 euro Villa Bini nel degrado, la provocazione del Movimento 5 stelle di Trani: «E se portassimo Sophia Loren a visitarla?» Trascinano cane per chilometri fra Trani e Barletta e lo riducono in fin di vita: due ragazzi fermano i responsabili, che poi vanno via. Il consigliere Merra va in procura, condanna anche da Bottaro Maturità 2019, i candidati di Trani al Monastero cantano Venditti a squarciagola. Tracce, ci sono Ungaretti e Sciascia AGGIORNATO. Maturità 2019, al «Moro» di Trani ascensore rotto: disabile trasportato di peso al secondo piano. Il preside: «Riparato tempestivamente, ma avremmo trasferito tutti giù» Trani, contributo libri di testo: si potrà riscuotere da oggi. L'elenco Moto contro auto in via Malcangi: centauro in ospedale e danni anche per una vettura parcheggiata Trani, buongiorno con ciak: da oggi la Loren gira in città «La vita davanti a sé» Concluso il pellegrinaggio diocesano a Lourdes per l’Unitalsi di Trani Barresi: «Sul cavalcaferrovia di via Delle forze armate e l'incuria in via Verdi, un silenzio assordante dell'amministrazione di Trani» Danni da maltempo 2018, disponibili anche a Trani i fondi per le aziende agricole Premio nazionale «Giovanni Bovio»: premiazione fissata al 1mo settembre «Scuola corsara» a Trani, concluso il progetto alla «Baldassarre» con 750 studenti Il movimento «Dico no alla droga Puglia» ha fatto di nuovo tappa a Trani È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Benvenuto» Al Santo Graal di Trani, venerdì prossimo, omaggio a Lucio Dalla Trani, prosegue il festival "ArmOnia": il programma completo Oggi, a Trani, presentazione del libro «Il salto», di Giuseppe Laurora Amiu Trani, questa notte nuova disinfestazione Cgil Trani, da oggi apre lo sportello per i lavoratori del settore edile e lapideo Domani, nel carcere femminile di Trani, la rappresentazione della vita di san Nicola il pellegrino Domani, a Trani, incontro sulle differenti tecniche di riproduzione assistita «Mi prendo cura di me»: all’Anteas Trani, domani, nuovo incontro del gruppo di auto/mutuo aiuto Trani, a santa Geffa, sabato prossimo, la «Notte delle streghe»: aperte le prenotazioni «Il genio, 500 anni di meraviglia»: fino al 30 giugno, a palazzo Beltrani, “Hortus conclusus, installazione a cura degli alunni dell’artistico di Corato “Il genio, 500 anni di meraviglia”: a Trani, fino al 30 giugno, la nuova mostra su Leonardo Da Vinci VIDEO. Maturità, meno uno: il nostro in bocca al lupo ai candidati di Trani è con «Studenti in piazza» Maturità, meno uno: i consigli della Polizia postale per non incorrere in false notizie Maturità, la lettera dell'assessore regionale Leo agli studenti pugliesi «Battiti live»: svelato il cast di tutte e 5 le tappe, in attesa di conoscere gli artisti che saranno a Trani Aqp, nuovi lavori urgenti a Trani in via Chiarelli. Non toccate pista ciclabile e piazza Plebiscito, ma, per rivedere la strada a posto, potremmo attendere fino a Natale Trani, contributi libri di testo: saranno erogati entro fine giugno. Intanto c'è la domanda per il prossimo anno scolastico Manutenzione degli impianti nelle scuole di Trani, affidata la gara «Tutto d'un tratto Trani» e l'Amet, tra le nomine che tardano ed il «Paolillo sospeso» Operazione Pandora, a Trani il Pm Nitti chiede la condanna di 91 imputati: per il tranese Alessandro Corda, 8 anni Trani, «Dedicato a te»: il primo nome di Battiti live sono Le vibrazioni Presentata la legge regionale contro gli sprechi alimentari. All’ambito di Trani, 500mila euro Lotta agli sprechi alimentari, i consigli di Coldiretti Puglia
PUBBLICITA' Incos