La storia di Trani riaperta al degrado: nuovamente sfondata la porta d'accesso alla Torre dell'orologio. La denuncia bis di Andrea Moselli

A distanza di sette mesi dalla precedente denuncia, siamo punto e a capo: all’antica Torre dell’orologio chiunque può accedere e fare danni, perché la porta d’ingresso è stata nuovamente sfondata dopo che qualcuno ha forzato il piccolo lucchetto che avrebbe dovuto proteggere lo storico campanile della chiesa di San Donato, in piazza Mazzini.


Oggi, come ieri, a sollevare pubblicamente il problema è Andrea Moselli, guida turistica e, soprattutto, giovane appassionato di storia locale: «Lo stemma più antico della città si trova impresso proprio su questa torre, ma forse pochi lo ricordano. Come testimonia una delle lastre infisse nella struttura - scrive Moselli -, l’Università di Trani decise di costruire la torre, con l’orologio pubblico, nel 1473, affidandosi al sindaco Spirito de Piccione: di lui rimane scolpito lo stemma un leone rampante. Una seconda lastra ricorda Gabriele Gentile, che risistemò la torre completandola con l’orologio»


La torre, alta circa 25 metri, è una delle strutture più alte del centro storico, visibile anche dal porto. L’orologio aveva la funzione di regolare la vita in città, suonando alla maniera “francese o provenzale” e scandendo prima i quarti d’ora e poi le ore. Non c'è un quadrante con le lancette, bensì si tratta di un meccanismo interno, ritenuto uno dei più antichi e rari del Regno di Napoli.


Durante il fascismo, poi, la torre fu restaurata nel 1931, ma proprio in quel periodo l’ingresso originale fu cambiato e la torre subì alcune modifiche. Nel 1995, infine, la commissione straordinaria, rendendosi conto dell’importanza del manufatto, fece eseguire gli ultimi, veri lavori di restauro e, per alcuni anni, grazie anche al contributo di un volontario, l’orologio riprese a funzionare.


Oggi a distanza di venti anni da quel ripristino, «quest’importante testimonianza storica si trova nel completo degrado e rappresenta anche un pericolo per la collettività - scrive ancora Andrea Moselli -. Ci siamo tornati a pasquetta ed abbiamo notato un nuovo accesso "libero" alla torre abbandonata, ormai diventata un ricettacolo d’immondizia».


Il pericolo sta nel fatto che «la scalinata sembra pericolante e chiunque, magari un bambino con la voglia di esplorare, potrebbe cercare di ascendervi con conseguenze che non vogliamo immaginare e dobbiamo assolutamente prevenire – fa notare Moselli -. I contrappesi dell’orologio potrebbero cadere, anzi alcuni sono già per terra».


Inevitabile, come già era accaduto ad agosto, all’indirizzo dell’amministrazione comunale uscente, una nuova sollecitazione formale, questa volta al commissario: «La nostra storia è in serio pericolo – ammonisce e conclude Roselli -. La Torre dell’orologio è un cardine della nostra storia ed è impensabile che prosegua nell'abbandono in cui versa da anni e che i suoi rintocchi, che hanno scandito per secoli la vita cittadina, siano relegati nel ricordo».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Hello Bike

Notizie del giorno

L'Area urbastica di Trani si riprende il suo «vero» dirigente: ritorna l'ingegner Michele Stasi L'unione fa l'ambiente: Trani, il racconto di una domenica speciale di volontariato per ripulire porzioni di periferia Il «retrobottega» del centro storico di Trani torna pulito: merito degli Studenti democratici Musica da vivere e cantare: al Polo museale di Trani, una bella notte al ritmo di blues Poche emozioni, ma doppia imbattibilità confermata: Trani-Bitonto 0-0 «Ma dove vai, se il fuoristrada ce l'hai?». «A Trani, e ti mostro cosa posso fare» Piazza Cesare Battisti, rimosso il divieto: il lato tra via Prologo e via Beltrani adesso è libero Dialoghi di Trani, finale con teatro: Michele Lattanzio mette in scena Walter Veltroni Dialoghi di Trani, Dialokids e Polo museale nel nome della “convivialità delle differenze” Ufficio tecnico, anche Solo con Trani esprime critiche: da Irene Verziera giungeranno, anche proposte Polo museale di Trani, riprendono gli appuntamenti in musica. Oggi, la storia del blues A Trani, oggi, "Puliamo il mondo", la campagna a cura di Legambiente, nelle aree periferiche della città L'azienda «Schinosa» di Trani a «Cantine aperte in vendemmia»: appuntamento oggi Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Giornate europee del patrimonio, anche oggi nel castello di Trani la mostra fotografica "Il paesaggio marittimo della costa adriatica" Arsensum Trani, fino al 1mo ottobre collettiva d'arte Domani, a Trani, presentazione del libro "Una storia nera", di Antonella Lattanzi Trani, il circolo Dino Risi si rimette in moto: martedì prossimo, via agli incontri preliminari Polo museale di Trani, la mostra dei Dialokids sarà fruibile fino al 17 ottobre Iat di Trani, le iniziative di settembre. Martedì prossimo, esposizione di foto d'epoca Estate di Trani dal fondo di riserva e regolamento di polizia mortuaria: mercoledì prossimo torna a riunirsi il consiglio comunale Caso Supercinema e molto altro: è in edicola il nuovo numero de «Il giornale di Trani».
PUBBLICITA' Lelampare