Litorale in preda all’abbandono, Cinquepalmi (Trani a capo): «Inaccettabile che il sindaco se ne disinteressi»

La costa tranese è o dovrebbe essere una delle migliori risorse anche economiche per la nostra città. Di fatto manca una politica finalizzata al turismo cosicché Trani si professa città turistica senza avere strutture e stabilimenti balneari adeguati.


La responsabilità è solo ed esclusivamente politica e non certamente dei tranesi come sembra affermare il sindaco. Manca, infatti, una qualsiasi programmazione da parte dell’amministrazione comunale benché in campagna elettorale il piano delle coste sia stato il cavallo di battaglia dell’attuale sindaco. Che fine ha fatto questo piano delle coste?


È sotto gli occhi di tutti che vi sono lidi in situazioni pericolose e fatiscenti come l’ex Vela o tratti di costa occupati da sciale in alcuni casi dismesse. Vi sono lavori iniziati e mai finiti con la conseguenza che l’inerzia e l’incuria hanno determinato danni facendo lievitare i costi degli interventi necessari ad ultimare i lavori.


Fin qui il discorso è di aperta critica alla disattenzione dell’amministrazione comunale rispetto alle reali esigenze, anche economiche, della nostra città che è ferma e improduttiva ormai da troppo tempo.


Ma ciò che è veramente inaccettabile e che sono disponibili da tempo circa 2 milioni di euro da utilizzarsi per i lavori ad eseguirsi sul tratto costiero ma tali lavori non vengono eseguiti.


La macchina comunale non si attiva per l’adeguamento dei progetti e così passano i mesi senza che nulla sia fatto. Spiace constatare che l’assessore Bologna sia partita con le migliori intenzioni ma che poi, di fatto, non hanno prodotto alcun utile o concreto risultato.


Anzi, l’inerzia rischia di produrre solo danni come potrebbe avvenire se si perdesse il finanziamento di 1.530mila euro che sommati ai 2 milioni di euro circa, già disponibili, costituirebbe una utile provvista per molti lavori.


Inutile a questo punto parlare degli accessi al mare preclusi, di cui più di un assessore comunale tanto parlava quando assessore non era.


Per il porto di Trani ci sarebbe poi da dire molto ma sull’argomento ritorneremo.


Per ora diciamo solo a questa amministrazione di impegnarsi tempestivamente affinché questa prossima stagione estiva non trascorra come tutte le precedenti e ci si ritrovi a parlare a luglio o ad agosto dei problemi che andavano risolti con mesi di anticipo.


Maria Grazia Cinquepalmi – consigliere comunale Trani a capo

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Barbayanne

Notizie del giorno

Carlo avrà la protesi speciale di cui ha bisogno: l'Asl Bt assicurerà al ragazzo di Trani una qualità di vita migliore Manifestazioni a Trani ed effetti collaterali: le auto ritornano "su" piazza Gradenigo Estate di Trani, ecco altri eventi con patrocinio comunale gratuito. Tra questi, “Calice di san Lorenzo” e un nuovo festival del cibo di strada Trani, proiettili in via Superga verso lo stesso fabbricato del tentato omicidio del 22 febbraio È in edicola il nuovo numero de “Il giornale di Trani”: «Beffa» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Lo Iat di Trani ospita mostre artistiche per due mesi: da oggi, Angelo Piccolo "Novantanove borghi, racconto di Puglia": oggi giornata dedicata a Trani VIDEO. La Madonna di Fatima pellegrina a Trani fino d oggi: è ospite dello Spirito Santo Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Palazzo Beltrani, orario continuato nel weekend. Da martedì prossimo, corsi di disegno Martedì prossimo a Trani il "Salotto del risparmio Helvetia" Servizio civile: l’Oasi 2 di Corato, Trani e Bisceglie cerca 5 volontari. Domande entro il 26 giugno Venerdì 30 giugno a Trani convegno sul tema "L'eredità di Giovanni Bovio" Biblioteca di Trani, tutti i progetti estivi per i più piccoli Trani sportiva è in lutto: addio a Santino Barbato. Volò in B con la Polisportiva e allenò la leggendaria squadra femminile Trani, la poesia scende in strada: i versi di Daniele Marrone sui pali della città “DigithON” 2017, da Trani anche “IsApp” Dialoghi di Trani, trentotto le opere in gara al premio Fondazione Megamark. Il 14 luglio i nomi dei finalisti Infopoint, più di un milione di euro dalla Regione per investirvi. Per Lima (Fdi), «opportunità per lo Iat di Trani» Avvocati in difficoltà economiche, anche l’Ordine di Trani aderisce a WeAvv: oltre 800.000 euro per la conciliazione “vita-lavoro”
PUBBLICITA' Globaloffice