La discarica di Trani inquina meno, ma non ha smesso di farlo: servirà separare i rifiuti dalla parete del terzo lotto. Affidata la progettazione

La discarica di Trani inquina molto meno, ma ancora non ha smesso di farlo: infatti, il solo metallo che continua a persistere nei pozzi in concentrazioni superiori alla norma è il manganese. Per questo motivo la massa dei rifiuti del terzo lotto, dove persiste il problema, deve essere isolata dalla parete della cava che li contiene.

A tale conclusione è giunta la Conferenza dei servizi convocata dalla Regione Puglia lo scorso 30 gennaio 2020, che ha verificato la relazione finale del Piano di caratterizzazione e i suoi esiti. Sulla base di questi l'organismo ha redatto un verbale prescrivendo «l'intervento di ripristino dell'isolamento del corpo dei rifiuti - si legge nel verbale -, secondo le modalità tecniche che si riterranno più efficaci».

In altre parole, si dovrà separare la massa dei rifiuti stoccata nel terzo lotto dalla parete nella quale si era prodotta una rottura, nei pressi del pozzo P6v, attraverso cui si era disperso percolato in falda.

Tale incidente, avvenuto nel 2014, aveva determinato la chiusura della discarica il 5 settembre di quell'anno. Da allora l'impianto di contrada Puro vecchio non ha più riaperto ed il sindaco, Amedeo Bottaro, il 23 settembre 2016, ha emanato un'ordinanza di chiusura dal sito anche a seguito di un'indagine della Procura della Repubblica di Trani per ipotizzato disastro ambientale, circostanza per cui è in corso il relativo processo di primo grado a carico di numerosi indagati.

Nel frattempo, la discarica è stata oggetto di interventi di messa in sicurezza di emergenza e della caratterizzazione dell'intera area.

Il piano è stato finanziato dalla Regione Puglia con 408.000 euro, la progettazione affidata agli ingegneri Giuseppe Cincavalli, Dario De Pascali e Giuseppe Ferrari, nonché al geologo Antonino Greco, di Bari, per 29.000 euro.

I lavori sono stati a cura del raggruppamento abruzzese Gia exploring e Geo L'Aquila, per 273.000 euro oltre Iva, da un importo a base d'asta di 292.000 euro.

L'analisi di rischio dei progettisti è così finita sul tavolo della Conferenza dei servizi, convocata segnatamente da Arpa Puglia per verificare la relazione finale e gli esiti della caratterizzazione.

Ebbene, proprio l'Agenzia per l'ambiente ha evidenziato che «l’attività di indagine eseguita dal Comune nell’ambito della caratterizzazione relativa alle acque ha costituito approfondimento del quadro conoscitivo ambientale e ha permesso di acquisire informazioni in merito all’ipotesi di diffusione del percolato prodotto dai rifiuti nel terzo lotto della discarica, probabilmente a causa di una discontinuità del sistema d’impermeabilizzazione delle pareti della discarica».

Più nel dettaglio, secondo quanto ricostruito dall'Arpa, «le attività d’indagine hanno evidenziato il miglioramento del quadro qualitativo ambientale delle acque sotterranee a valle della discarica, che confermano l’efficacia delle misure di prevenzione poste in atto».

Peraltro, hanno confermato «l’esistenza di un percorso di diffusione del percolato ancora potenzialmente attivo, dovuto al raggiungimento del livello di percolato della quota dell’anomalia geofisica rilevata con le indagini indirette». Da qui la necessità «di intervenire al fine di interrompere tale percorso di potenziale diffusione della sorgente primaria».

La Conferenza di servizi, in ogni caso, ha convenuto che «gli esiti delle indagini hanno consentito la definizione della geometria del flusso di potenziale diffusione della sorgente primaria di contaminazione, definendo l’ambito planivolumetrico d’intervento per l’isolamento di detta sorgente primaria quale misura di prevenzione propedeutica per l’elaborazione del modello concettuale definitivo». 

Per questo motivo, alla luce delle attività svolte, ha prescritto «l’intervento di ripristino dell’isolamento del corpo rifiuti, secondo modalità tecniche che si riterranno più efficaci».

A questo punto la palla torna nel campo di Trani e, segnatamente, di un'amministrazione comunale che intende dare seguito, e senza indugio, alle prescrizioni della conferenza dei servizi.

«A tal fine è necessario - scrive così il dirigente dell'Area urbanistica, Francesco Gianferrini, affidare un incarico ad un professionista qualificato che realizzi un progetto di fattibilità tecnico economica per procedere all'intervento di ripristino dell'isolamento del corpo dei rifiuti dal terzo lotto della discarica».

Per la figura apicale dell'Ufficio tecnico «risulta del tutto evidente di potersi continuare ad avere delle competenze dello studio Cincavalli-De Pascali, in quanto già direttori dei lavori dell'esecuzione del Piano di caratterizzazione della discarica».

Una scelta dovuta a ragioni di continuità, impegnando complessivi 12.600 euro per la progettazione del nuovo intervento di messa in sicurezza da realizzarsi nell'impianto comunale di contrada Puro vecchio.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Woodcenter

Notizie del giorno

Piove su Trani, in via Capuccini grosso ramo si spezza e cade su auto parcheggiata Bollettino Coronavirus: oggi in Puglia nove casi positivi e un decesso. Presentato il nuovo piano ospedaliero anti-Covid Stabilizzazioni nella Asl bt: oggi le prime 74 firme a tempo indeterminato Trani, la domenica della festa patronale: messa in piazza Duomo presieduta da monsignor D'Ascenzo Trani celebra San Nicola senza poterne vedere l'immagine: oggi la chiusura della festa con le due ultime sante messe Trani t'incanta, ammessi dodici progetti su tredici. Ad agosto torna Gnam e a fine settembre il festival pirotecnico Estate tranese, rispetto agli anni scorsi gli zeri si riducono: la spesa per il comune è di 22mila euro. Dodici domande giunte per "Trani t'incanta" Presentata la convenzione per la chiesa di Martino: concessione ad uso gratuito del luogo per la durata di quattro anni Trani «benemerita» e senza barriere: l'esempio di Maria Rita e chiunque dia lustro alla città con l'impegno di tutti i giorni Festa di compleanno o scherzo di un buontempone? Trani, nella domenica di san Nicola arrivano i fuochi tarocchi No al mercato serale, i dubbi di Landriscina (Confesercenti): «Chiederò spiegazioni di questa bocciatura» Estate tranese, continuano gli eventi a Santa Geffa: si parte giovedì con il jazz e si termina sabato con il Cavo Fest Premio per chi si è laureato nel lockdown, Anci Puglia: «Invitiamo i comuni della Bat ad aderire all'iniziativa» «Troppi progetti che restano solo sulla carta»: per il M5stelle bisogna «puntare sulle piccole cose necessarie» "Strani eventi, contagiati di cultura": oggi a palazzo Beltrani l'evento Sveva classica della fondazione Aldo Ciccolini "Jazz a corte", il 16 agosto a palazzo Beltrani arriva l'americano Michael Supnick Amiu Trani, nuova disinfestazione aerea martedì notte Festival Il Giullare, si scaldano i motori per questa edizione speciale: mercoledì il primo appuntamento con il teatro "Raccontando sotto le stelle": domani il secondo appuntamento teatrale della rassegna per bambini e ragazzi Estate tranese, dal 5 al 9 agosto "Tramonti musicali" a palazzo Beltrani Trani, continua la musica live al Santo Graal: venerdì il live di Pino Camporeale & Angela Ferrari Palazzo Palmieri, da domani la mostra di Ricarda Guantario e Leonardo Guarino Cento anni dalla nascita di Ferruccio Ferroni, da oggi la mostra a palazzo Beltrani Dopo il lockdown, finalmente riapre l'Impero: ecco la programmazione. Prezzo agevolato per ripartire insieme È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Estati» Trani, a San Nicola si assembrano i vandali: distrutto il corrimano del vialetto di Colonna, svuotati bidoni e rovesciate fioriere Arriva la festa e il campanile della cattedrale di Trani esce finalmente dal restauro: ritrovato il colore unico su tutti i livelli Festa patronale di Trani, gli ambulanti incontrano l'arcivescovo: «Speriamo di ritornare presto alla normalità perduta» Trani, dopo 30 anni di servizio va in pensione una delle vigilesse storiche del corpo di polizia locale: Pina De Feudis Trani, inaugurato largo Mario Azzella: a palazzo Beltrani una serata in suo onore tra ricordi e un documentario Dopo vico san Basile ecco via Davanzati: le cene anti-movida nel centro storico di Trani Bollettino Coronavirus: due casi positivi nel barese e nel foggiano. Un decesso in provincia di Bari PUBBLIREDAZIONALE. Scopri il fai da te di ByBrico: oggi pomeriggio l'open day presso BigMat Edidforniture
PUBBLICITA' AMIU