Cava Monachelle a Trani, la replica di Bottaro e di Gregorio: «Non fuma più da mesi, né rappresenta un pericolo. Lo dicono le carte»

Non si finisce mai di imparare e leggere certi comunicati di fine estate ci lascia basiti. Ormai è chiaro che parlare, confrontarsi, spiegare, documentare, fornire copie degli atti non serve a nulla, ogni sforzo è vano, perché, in ogni caso, alla fine manca la volontà di capire restando la volontà, fine a se stessa, di accusare.

Letteralmente dicono: «Appare incredibile come a distanza di un anno non si conoscano ancora le sostanze rilasciate dalla combustione. Sinora sono trapelate pochissime informazioni in merito al monitoraggio ambientale in barba alla più volte sventolata trasparenza sugli esiti del monitoraggio… Non si conoscono informazioni circa la composizione chimica delle emissioni volatili… L’assenza dei concreti dati di monitoraggio ambientale che avvolge questa triste vicenda ci sconforta».

Lo sconforto è invece il nostro di come si continua con estrema leggerezza a dare informazioni basate sul nulla.

Primo: fin dal 27 settembre 2017 l’Arpa ha accertato (sopralluogo e campionamento sulla particella 112 del terreno intriso della sostanza sversata del 27.9.2017), in seguito alle analisi svolte, la presenza, in forte concentrazione, di “idrocarburi pesanti che dal profilo gas cromatografico riconduce la sostanza ad una miscela di gasolio ed olii lubrificanti”.

Secondo: le indagini effettuate il 7 e l’11 dicembre 2017 dal prof. Damiano Manigrassi evidenziavano che:  «… In riferimento ai risultati ottenuti si evidenzia un reale rischio da esposizione da agenti chimici per tutti coloro che stazionassero in prossimità delle fonti emissive poiché sono state rilevate concentrazioni importanti di sostanze aromatiche, non è da sottovalutare il rischio da combustione per la presenza % di idrocarburi alifaticie di idrogeno. Si esclude la presenza di gas pericolosi per la salute quali acido cianidrico, acido solfidrico, ammoniaca. .. La preoccupazione che ne deriva è legata essenzialmente alla natura composizionale dei gas che si liberano nell’aria attraverso fessurazioni che gli stessi gas in pressione hanno creato. Essi sono composti da una frazione organica volatile e da idrogeno che nell’insieme potenzialmente sono combustibili…».

Terzo: l’amministrazione, al fine di tutelare la pubblica incolumità e pur trattandosi di un suolo privato ha incaricato, con l’autorizzazione della Procura della Repubblica ed il coordinamento del Consulente Tecnico incaricato prof. Francesco Fracassi, una ditta specializzata per eseguire i necessari interventi che hanno dato questi risultati (attività di maggio e luglio 2018 relazione del geologo dott. Locoratolo): «…. raggiunti i circa 3 metri dal p.c. del riporto sono stati rinvenuti i primi rifiuti dapprima solamente vetrosi e poi misti a plastica di varia natura;….le operazioni di scavo iniziate verso le 8,30 del mattino si sono concluse verso le ore 13,00 avendo raggiunto circa 8 m dal p.c. quando ci si è resi conto della presenza di solo materiale ascrivibile a terre e rocce da scavo e detriti di cava ancorché molto caldi. I rifiuti rinvenuti sono costituiti, come già accennato, da frammenti di vetro e plastica di dimensioni massime quasi sempre inferiori a 4-5 cm; il materiale plastico come già esposto, per le alte temperature a contatto con l’aria tende a prendere facilmente fuoco; i rifiuti a volte e in zone ben localizzate e delimitate sono visibilmente già anneriti e bruciati probabilmente per la presenza di infiltrazioni di aria dall’esterno che ha permesso fiamme vive».

Quarto: il Consulente della Procura ha svolto delle ulteriori indagini dell’aria e sta redigendo la consulenza, con l’esito di tutte le indagini svolte, che verrà depositata in Procura.

Quinto: il sito è privato ed è sottoposto a sequestro con una indagine penale in corso che naturalmente ha risvolti di segretezza istruttoria.

Sesto: le informazioni ed i documenti sopra riportati sono stati resi pubblici da tempo e comunque saranno ripubblicati ed addirittura nei giorni scorsi è stata data una copia, dopo una ricognizione della vicenda di oltre tre ore, della relazione del dott. Locoratolo di luglio 2018 agli stessi sottoscrittori della nota che si dicono «sconfortati».

Settimo: come confermato dagli stessi “notisti” la cava non è più fumante da mesi e non appena l’Amministrazione avrà possibilità di ricevere la Consulenza della Procura verificherà ulteriori interventi.

Quindi: la cava non fuma più da mesi; i rifiuti ritrovati sono vetro e plastica; è tuttora in corso una indagine penale da parte della Procura della Repubblica di Trani coperta dal segreto istruttorio; sono note da mesi le sostanze rilasciate dalla combustione; ogni informazione è stata regolarmente comunicata; le relazioni tecniche che era possibile pubblicare sono state pubblicate; alcuni atti addirittura sono stati consegnati in copia agli stessi Notisti; non appena sarà possibile si verificherà la possibilità di smaltire il materiale scavato.

Detto questo, è possibile mai continuare a leggere simili note e subire accuse di inerzia e poca trasparenza evidentemente e palesemente infondate? A chi giova?

P.S.: al fine di riportare la verità dei fatti  è purtroppo necessario a volte essere prolissi.

Amedeo Bottaro – sindaco di Trani

Michele di Gregorio – assessore all’ambiente del Comune di Trani

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Fondazione Seca

Notizie del giorno

Trani, iniziati i lavori al lungomare Mongelli Stabilizzazioni dei precari della Asl Bt, domani a Trani anche Michele Emiliano Addio Maria Antonietta Cerniglia, il cordoglio dell'arcivescovo di Trani, Mons. D'Ascenzo Refezione scolastica a Trani, Forza Italia: «Non si tolga il pasto ai figli dei morosi» Ufficio tecnico di Trani, un solo dirigente ma due capi servizio: avviata la selezione interna Arpa Puglia conferma: «Mare pulito, ma il vero nemico è la plastica». L'incontro alla Lega navale di Trani Mare e plastica, l'allarme di Legambiente Trani: «Ogni nostro gesto, prima o poi, ci si ritorcerà contro» Mare e plastica, a Trani fanno meno paura: «Il segreto? La collaborazione fra Comune e associazioni» È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Ieri e oggi» Bisceglie frena e Trani, che vince in rimonta a Cutrofiano, si lancia all'inseguimento di Barletta La Trani del basket vola: Fortitudo sbanca Rutigliano, Juve timbra il cartellino con Altamura Alla capolista basta un gol: Casarano-Trani 1-0 L'Apulia rompe il ghiaccio: 3-1 al San Marco Argentano e, adesso, ne ha tre alle spalle Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, giovedì prossimo serata jazz Domani, nella chiesa "Pieno vangelo" di Trani, proiezione del film "La croce" "Lo sport per tutti": incontro domani nella biblioteca di Trani Domenica la "Giornata mondiale dei poveri": eventi a Trani a partire da venerdì, per il 25esimo anno di attività della Caritas Al Dino Risi di Trani sabato e domenica prossimi lo spettacolo teatrale “La santa sulla scopa” Autismo: domenica a Trani dibattito con il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia A Trani, il 20 novembre, incontri con il giornalista Rai Renato Piccoli Bonificato il rudere, La vela può rinascere: nuova opportunità per il lungomare di Trani? Trani, rinasce La vela: quei dieci, lunghissimi anni di stop dopo la demolizione Trani, rinasce La vela: decisiva la rinuncia della Regione al contenzioso legale Differenziata a Trani nuovamente in crescita a settembre. E cala la quantità di rifiuti prodotti Ma quanta plastica sul litorale di Trani. E Legambiente e compagni sono solo a metà dell'opera: si conclude oggi "Clean sea life"
PUBBLICITA' Viso Amianto